Lo Sport, oltre ad essere una pratica che fa bene alla nostra salute psico-fisica, è considerato sempre più un importante fattore di sviluppo locale: muove e intercetta persone, permette di canalizzare le spese e di modificare la qualità di un territorio. E’ stato questo il filo conduttore del Forum Sport turistico e turismo sportivo a Rieti, nel corso del quale è stato siglato il Protocollo d’Intesa tra LTBF Onlus di Irene Pivetti, Luciano Pistolesi, Presidente Coni Rieti, Francesco Tancredi, Assessore allo Sport della Provincia di Rieti, Comune di Rieti e Scuola dello Sport CONI Lazio. Gli obiettivi della collaborazione sono: utilizzare lo sport come settore trainante di tutta l’economia di un territorio; creare progetti ad hoc che incrementino il turismo sportivo nella Provincia di Rieti; sostenere la microimprenditorialità sportiva per la creazione di nuove opportunità di lavoro; supportare sportivi e imprenditori nell’organizzazione e nella programmazione di eventi locali. Dopo il sodalizio con il Comune di Bari e l’apertura della nuova sede in Puglia, LTBF Onlus raggiunge un altro importante traguardo, come spiega Irene Pivetti: «LTBF Onlus è una realtà pressoché unica nel panorama italiano: di fronte a sempre più persone in situazioni di disagio per i più svariati motivi (di salute, sociali, economiche), la nostra associazione offre il suo contributo collaborando con il mondo delle piccole e medie imprese, che aiuta a crescere e svilupparsi, per poi creare economia e quindi occupazione, con un’attenzione costante a chi ne ha più bisogno. Stiamo lavorando su tutto il territorio nazionale, collaborando con partners che ci aiutano nello sviluppo dei nostri progetti. Sono particolarmente contenta della firma di questo Protocollo d’intesa nella provincia di Rieti- ha continuato l’ex Presidente della Camera dei deputati –  perché lo sport è uno dei settori più importanti delle nostre attività. Siamo infatti convinti che lo sport, oltre ad essere una pratica che fa bene alla nostra salute ed un formidabile strumento per combattere il disagio sociale e giovanile, possa diventare un vero e proprio veicolo di sviluppo del territorio. In che modo? Favorendo la nascita di micro-imprese in ambito sportivo, recuperando vecchi impianti sportivi dismessi, promuovendo così la valorizzazione di aeree territoriali abbandonate o fortemente segnate dal disagio e dalla criminalità. Sono questi gli obiettivi della Bottega dello Sport, un progetto che, com’è nella filosofia di LTBF Onlus, mira a creare occupazione e quindi sviluppo, in questo caso dando sostegno a quanti volessero creare micro-imprese in ambito sportivo». Alessandro Palazzotti, Presidente Coni Lazio, è convinto che Sport e Turismo siano «un connubio essenziale per lo sviluppo del territorio. Lo sport può diventare il tramite principale per lo sviluppo delle risorse economiche e ambientali della nostra Regione. Trasformare il momento agonistico in opportunità di sviluppo di tutti gli aspetti legati al flusso turistico nel Lazio. Migliorare le strutture ricettive, formare albergatori e ristoratori in un’ottica di turismo continuativo, utilizzare impianti sportivi abbandonati per rendere la Provincia di Rieti polo di attrazione turistico». Lo sport non è solo oggetto, ma anche soggetto promotore di iniziative: lo hanno testimoniato i contributi di Marzio Leoncini, Assessore allo Sport del Comune di Rieti, Alessandro Mezzetti, Assessore al Turismo della Provincia di Rieti, Tersilio Leggio, Commissario APT di Rieti e Giovanni Esposito, Scuola dello Sport CONI Lazio. «Sono lieto di iniziare la collaborazione con LTBF Onlus, realtà attenta alle esigenze e alle risorse del territorio, per sostenere l’economia della nostra provincia e incrementare il flusso di turisti, sfruttando le potenzialità dello sport», ha affermato Luciano Pistolesi, Presidente Coni Rieti. Diego di Paolo, ideatore del progetto “Il Cammino di Francesco” e Amministratore di Wealbiz, Raffaele Quarantelli, PRO Agency Sviluppo Imprenditoriale Parma, Alessandro Silvestri, Presidente Regionale DSA Coni – Turismo Equestre e Trec, ed Enrico Faraglia, operatore turistico – sportivo dell’area Terminillo, hanno infine mostrato in termini concreti come lo sport possa generare economia, e quindi sviluppo, anche in assenza di fondi pubblici.

Antonella Pitrelli

 

Tags: