Tante le novità di SMAU 2011, che anche quest’anno presenta al suo pubblico un calendario ricco di iniziative. Oltre 300 appuntamenti tra workshop, laboratori, meeting internazionali, accanto alle ultime soluzioni presentate da più di 600 marchi dell’ICT. Il pubblico si muove in un vero e proprio “Percorso dell’Innovazione” che li porterà attraverso i village dei grandi player, passando dall’Area Formazione con le più prestigiose Business School italiane a quella per l’internazionalizzazione delle imprese, fino all’area Smart City dove, in collaborazione con ANCI, vengono presentate i progetti più evoluti in materia di città sostenibili. A presentare la 48ma edizione della è intervenuto l’Amministratore delegato Pierantonio Macola«Smau 2011 sarà un appuntamento in cui in tre giorni il visitatore troverà riunito il mondo delle tecnologie digitali al completo. Una grande occasione di incontro tra i maggiori protagonisti dell’innovazione, il cui obiettivo comune è favorire la crescita delle imprese italiane grazie alle enormi opportunità di sviluppo offerte dall’ICT».  Grande attenzione è rivolta alle tecnologie che cambieranno il “modo” di lavorare in azienda, come cloud computing, tablet, smartphone e App. In programma anche 9 premi, a partire dal Premio Nazionale Innovazione ICT, passando per i  Premi dedicati alle diverse funzioni aziendali, fino al Premio dedicato alle start up e ai Mob App Awards. Riflettori accesi sull’eccellenza del Made in Italy: tra i progetti più interessanti Webtobefree, una tv on line che sviluppa modelli di business editoriali innovativi rivolti al mondo delle imprese. Smau 2011 è soprattutto il palcoscenico d’eccellenza per i grandi protagonisti dell’”Italia che innova”: tra questi le Regioni, sempre più strategiche nel fornire supporto allo sviluppo e all’innovazione delle piccole e medie imprese. Un’occasione per mettere a confronto le esperienze e le iniziative messe in campo dagli Assessorati alle Attività Produttive e all’Innovazione che più investono nel settore. Importante e ricca di spunti la presenza delle maggiori multinazionali dell’ICT che, accanto alle Regioni, svolgono un ruolo fondamentale nel favorire la diffusione delle tecnologie digitali nel nostro sistema produttivo. La parola chiave per tutti è “Innovare le PMI”, non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche culturale. Ma il cambiamento che non può prescindere dalle giovani generazioni, i “nativi digitali”  protagonisti del mondo che verrà, quello che qui a SMAU si sta immaginando.

Antonella Pitrelli

 

Tags: