Un nuovo importante tassello nel percorso di collaborazione tra imprese cinesi e italiane, nella città di Prato, la prima provincia italiana ad aver ospitato la più grande ed attiva comunità di imprenditori provenienti dal paese del Dragone.

Questo vuole essere l’Associazione Abbigliamento Prato-Cina, fondata da cinque imprenditori cinesi, titolari di aziende di Pronto Moda, il cui obiettivo è rafforzare sempre più la cooperazione con le istituzioni locali e gli imprenditori italiani, lavorando insieme su temi di interesse comune, che portino benefici per tutto il tessuto produttivo locale.
L’Associazione, il cui presidente e’ l’imprenditore Li Xiao Feng, ha infatti firmato con la Confartigianato pratese un accordo di collaborazione nei settori della legalità, gestione dei rifiuti, mobilità ma soprattutto sicurezza, quest’ultimo un tema particolarmente sentito dalla comunità cinese locale, a causa di continue rapine e scippi, come emerso da un questionario diffuso tra oltre cinquecento imprese orientali.
Per questo motivo e’ stato già avviato un accordo con  i vigilantes della Lince, che pattuglieranno con tre volanti le aree del Macrolotto, di Iolo e di Tavola. Le aziende iscritte al consorzio (cui potranno aderire anche aziende italiane) sono 15, ma il numero e’ destinato a crescere velocemente vista la grande partecipazione imprenditori (circa 400) alla cerimonia di inaugurazione, svoltasi nel cuore del Macrolotto Uno, con un bellissimo spettacolo di danzatori e musicisti in abiti tradizionali cinesi.
In platea molti rappresentati del mondo dell’impresa e delle istituzioni: tra questi il vicesindaco di Prato Simone Faggi, l’assessore alle politiche economiche e del lavoro Daniela Toccafondi,  Jiang Chengjun segretario generale dell’associazione Prato-Cina, il presidente di Confartigianato Andrea Belli, il viceprefetto Ilaria Benelli, Irene Pivetti presidente Only Italia, Vinicio Biagi, responsabile progetto Toscana-Prato.
Il presidente Li Xiao Feng nel suo discorso inaugurale ha espresso parole di ringraziamento a tutte le istituzioni presenti, chiedendo loro di continuare a collaborare insieme per rendere tutta la comunità produttiva di Prato sempre più forte e coesa, a cominciare dalle imprese cinesi, che rappresentano ad oggi il 14% del pil della provincia e che sempre più hanno la volontà di cooperare sul territorio per “creare un mercato più sano, costruire un ambiente di vita più confortevole, incrementare il nostro valore sociale e sviluppare al meglio il mercato, cooperando tutti insieme, cinesi e italiani, per ottenere questi obiettivi, affinché Prato esprima al meglio tutte le sue enormi potenzialità“.
Il presidente ha inoltre annunciato che, oltre alla collaborazione sul fronte sicurezza, verranno avviati molti altri progetti, ad esempio quelli relativi alla formazione ed istruzione sia per gli imprenditori che per i lavoratori, in modo da accrescerne e migliorarne le rispettive competenze, e per rispondere sempre meglio alle esigenze del mercato e agli standard di qualità e sicurezza.
Ospite d’onore della manifestazione Irene Pivetti, attiva da anni con la sua azienda Only Italia sul fronte delle relazioni Italia-Cina, che guarda con grande ottimismo a questo iniziativa che sancisce ulteriormente la collaborazione tra i nostri due Paesi.

Antonella Pitrelli

Tags: